IL QUESITO:

  • 13
  • Nov

La disciplina fiscale degli alimenti a favore del coniuge e dei minori

Il coniuge che eroga l’assegno di mantenimento ha il diritto di dedurre l'importo versato dal proprio reddito imponibile Irpef. Di contro, il coniuge che percepisce l’assegno ha l’obbligo di dichiararne l'importo in quanto si tratta di reddito che rientra tra quelli assimilati a lavoro dipendente. L’assegno di mantenimento erogato dall’ex coniuge ai figli, è da considerare, invece, reddito esente da tassazione per il coniuge che lo percepisce.


  • 08
  • Nov

GIURISPRUDENZA:

Cassazione: Aggredisce il collega d'ufficio: legittimo il licenziamento


  • 08
  • Nov

GIURISPRUDENZA:

Cassazione: Arresti domiciliari con braccialetto elettronico: l'onere del giudice di accertarne la disponibilità


  • 08
  • Nov

GIURISPRUDENZA:

Cassazione: Interdetto dalla professione il commercialista che consiglia il cliente su come eludere la legge


BLOG:

  • 12
  • Nov

Lo stato confusionale della sinistra che finge di non capire le cause del populismo, di Antonio Dostuni

Piaccia o no, questo governo non ha alternative. Nel mondo anglosassone si usa l' acronimo, "t.i.n.a." ("there is not alternative", non ci sono alternative) per rappresentare i momenti di sclerosi del quadro politico. Attualmente la posizione più comoda resta quella di Silvio Berlusconi che può vantare la presenza di un garante al governo (Salvini) e di un garante all'opposizione (Renzi): mai come ora, il suo impero ha potuto godere di tanta invulnerabilità. Per queste ragioni, il Cavaliere assiste serafico alla lenta consunzione di Forza Italia. A sinistra, invece, Renzi attende la prossima disfatta elettorale per dimostrare che la crisi del Pd non é imputabile al Giglio Magico. 


  • 14
  • Nov

CURIOSITÀ:

Che cos'è il logrolling


  • 17
  • Ott

CURIOSITÀ:

Chi é il c.d. "avvocato stabilito"


  • 11
  • Ott

CURIOSITÀ:

Che cosa si intende per "haircut"





Studio Legale Associato | P.IVA 03554410138

Privacy Policy