LE CURIOSITA' - Mantenimento dei figli nelle cause familiari: il vademecum del Consiglio nazionale forense

· Pubblicato il: 11/10/2018

In data 14 luglio 2017 il Consiglio Nazionale Forense ha messo a punto un vacdemecum finalizzato a fornire delle regole uniformi in ordine alla regolamentazione delle modalità di mantenimento dei figli nelle cause di diritto familiare. 

-----------------

Le linee guida sono state redatte all’espresso fine di facilitare e al tempo stesso “rendere più trasparente e previamente valutabile” la concreta distinzione fra le voci di credito che derivano dalle spese ordinarie e spese straordinarie.

 

Spese ordinarie e spese extra

 

Per il CNF, infatti, l'individuazione, da un lato, delle spese correnti della famiglia, e, nello specifico, di quelle che rientrano nel mantenimento ordinario dei figli e la determinazione, dall’altro, delle spese extra assegno, costituiscono una delle cause più frequenti del conflitto tra genitori.

 

Così, per uniformare le prassi, vengono espressamente individuate le spese rientranti nelle specifiche categorie.

 

Spese ordinarie

 

Nelle spese ordinarie - comprese, quindi, nel mantenimento - vengono fatte rientrare, esemplificativamente, quelle di vitto, abbigliamento, contributo per spese dell'abitazione, spese per tasse scolastiche e materiale scolastico di cancelleria, mensa, medicinali da banco, carburante, ricarica cellulare, uscite didattiche, baby sitter, pre-scuola, doposcuola, trattamenti estetici, attività ricreative abituali, spese per la cura di animali domestici dei figli.

 

Spese extra assegno senza concertazione

 

Sono considerate, poi, spese extra assegno obbligatorie, per le quali non è richiesta la previa concertazione dei genitori, i libri scolastici, le spese sanitarie urgenti, l'acquisto di farmaci prescritti ad eccezione di quelli da banco, le spese per interventi chirurgici indifferibili presso strutture pubbliche e private, le spese ortodontiche, oculistiche e sanitarie effettuate tramite il Servizio Sanitario Nazionale.

 

Spese extra assegno con necessario consenso di entrambi i genitori

 

Per finire, tra le spese extra assegno, subordinate al consenso di entrambi i genitori, sono individuate le voci relative alle spese:

 

scolastiche;

di natura ludica o parascolastica;

sportive;

medico sanitarie;

organizzazione di ricevimenti.