DIRITTO - Giurisprudenza

  • 12
  • Giu

Cassazione: Se la malattia è causata dal mobbing dell'azienda, le assenze non incidono sul comporto

Il licenziamento è da ritenersi illegittimo in quanto a causa della condotta dell'azienda che ha privato il lavoratore di ogni mansione, lo stesso ha superato il comporto in virtù delle assenze determinate dal mobbing del datore di lavoro. Le assenze imputabili all'azienda non vanno calcolate ai fini del comporto. (Corte di Cassazione, sentenza n. 14643/13)

  • 12
  • Apr

Cassazione: non è escluso lo stato di ebbrezza se i farmaci alzano il tasso alcolemico

Il soggetto che è consapevole del fatto che l'assunzione di un determinato farmaco provoca un innalzamento del tasso alcolemico, deve astenersi dal mettersi al volante posto che, in caso contrario, è sempre contestabile il reato di guida in stato di ebbrezza. (Corte di Cassazione, sez. IV Penale, sentenza n. 15562/13) 

  • 12
  • Apr

Cassazione: per l'attività prestata prima del 1989 il mediatore ha diritto al compenso anche se non era iscritto all'Albo

Non ha effetto retroattivo la legge (n. 39/1989) che subordina il diritto al compenso all'iscrizione all'albo. Si tratta di una legge che si può applicare solo per le obbligazioni sorte in data posteriore alla sua entrata in vigore. (Corte di Cassazione, sez. III Civile, sentenza n. 8112/13) 

  • 19
  • Feb

Cassazione: Non c'è istigazione alla corruzione se l'offerta è di risibile entità

Non configura il reato di istigazione alla corruzione il comportamento dell’automobilista che, al fine di eludere la multa, offre 10 euro a due agenti di polizia. La risibilità della proposta esclude la rilevanza penale del fatto (Corte di Cassazione, sez. VI Penale, sentenza n. 7505/13).

 

  • 28
  • Nov

Cassazione: La società di calcio non risponde dei danni subiti dal giocatore durante una partita

Poichè il gioco del calcio non si configura come attività pericolosa, le lesioni conseguenti ad un normale scontro di gioco non possono essere imputate alla società. (Corte di Cassazione, sez. III Civile, sentenza n. 20982/12)

  • 20
  • Nov

Cassazione: Licenziamento illegittimo, la documentazione riservata può essere usata contro il datore di lavoro

Non è legittimo il licenziamento del lavoratore che usa documenti riservati della società per fare causa al proprio datore. (Corte di Cassazione, sez. Lavoro, sentenza n. 20163/12; depositata il 16 novembre). Fonte, Giuffrè

  • 20
  • Nov

Cassazione: L'invio di messaggi tramite e-mail alla ex non integra il reato di molestia

Non si configura il reato di molestie (a differenza di quanto si verifica nei c.d. sms inviati su utenze telefoniche mobili), qualora si tratti di messaggi di posta elettronica, privi, in quanto tali, del carattere di invasività. (Corte di Cassazione, sez. Feriale Penale, sentenza n. 44855/12; depositata il 16 novembre). Fonte, Giuffrè