DIRITTO - Giurisprudenza

  • 18
  • Dic

Cassazione: Il valore della lite è determinato in base all'oggetto della domanda ndividuato con riguardo al momento iniziale della lite

Ai fini della liquidazione degli onorari spettanti all’avvocato nei confronti del cliente, il valore della lite si determina, in base alle norme del codice di procedura civile, avendo riguardo soltanto all’oggetto della domanda, considerata al momento iniziale della lite, per cui nessuna rilevanza può attribuirsi alla somma concretamente liquidata dal giudice in sentenza, ovvero realizzata dal cliente a seguito di transazione. (Corte di Cassazione, sez. VI Civile - 2, ordinanza n. 32474/18; depositata il 14 dicembre)

  • 18
  • Dic

Cassazione Licenziato l'impiegato assente per malattia, sorpreso a lavorare nella sua pizzeria

Il dipendente di una compagnia assicurativa deve dire addio al proprio posto di lavoro. Decisivo il fatto che egli, pur essendo in malattia e nonostante la prescrizione dei medici del pronto soccorso, ha ignorato la propria lombalgia e ha operato con dispendio fisico nel suo locale. (Corte di Cassazione, sez. Lavoro, ordinanza n. 32600/18; depositata il 17 dicembre)

  • 13
  • Dic

Cassazione: Falso in atto pubblico se la data sulla cartella clinica é stata alterata

La cartella clinica di un paziente costituisce un atto pubblico, attestante il decorso della malattia. Ogni alterazione di tale documento integra il reato di falso in atto pubblico. L'elemento soggettivo dell'illecito è il dolo generico, ovvero la consapevolezza dell'immutatio veri. Il dolo generico deve essere dimostrato attraverso svariati indicatori. (Corte di Cassazione, sez. V Penale, sentenza n. 55385/18; depositata l'11 dicembre)

  • 13
  • Dic

Cassazione: Il Comune è responsabile a titolo di colpa per i danni causati da animali randagi

La responsabilità dell’ente comunale preposto alla cattura e alla custodia degli animali randagi è ancorata al criterio della colpa ai sensi dell’art. 2043 c.c.. In caso contrario, si riscontrerebbe infatti una responsabilità oggettiva sottoposta a principi analoghi – se non addirittura più rigorosi – a quelli previsti per la responsabilità oggettiva da custodia. (Corte di Cassazione, sez. III Civile, ordinanza n. 31957/18; depositata l'11 dicembre)

  • 11
  • Dic

Cassazione: Condannato per porto ingiustificato di armi per la mazza da baseball in auto

Confermata la colpevolezza dell’imputato. Fatale un controllo stradale notturno. Non dimostrata la tesi difensiva, secondo cui l’oggetto era collegabile allo sport o al turismo. (Corte di Cassazione, sez. I Penale, sentenza n. 55037/18; depositata il 10 dicembre)

  • 11
  • Dic

Corte Costituzionale: I provvedimenti relativi alla messa alla prova non devono essere riportati nei certificati del casellario giudiziale

La Corte Costituzionale ha dichiarato l’illegittimità costituzionale degli artt. 24, comma 1, e 25, comma 1, d.P.R. n. 313/2002 nel testo anteriore alle modifiche, non ancora efficaci, recate dal d.lgs. n. 122/2018 nella parte in cui non prevedono che nel certificato generale e nel certificato penale del casellario giudiziale richiesti dall’interessato non siano riportate le iscrizioni dell’ordinanza di sospensione del processo con messa alla prova dell’imputato e della sentenza che dichiara l’estinzione del reato. (Corte Costituzionale, sentenza n. 231/18; depositata il 7 dicembre)

  • 10
  • Dic

Corte costituzionale: Congedo straordinario per assistere il genitore disabile grave anche al figlio non ancora convivente

Anche il figlio non convivente con il genitore gravemente disabile ha diritto a fruire del congedo straordinario per assisterlo, in mancanza di tutti gli altri familiari legittimati a godere del beneficio, secondo l’ordine di priorità indicato dalla legge. (Segue)

  • 08
  • Nov

Cassazione: Aggredisce il collega d'ufficio: legittimo il licenziamento

Respinte definitivamente le obiezioni proposte dall’oramai ex dipendente di una società di telecomunicazioni. Irrilevante il fatto che il contratto preveda il provvedimento più duro solo in caso di rissa nel luogo di lavoro. Evidente anche per i Giudici la gravità della condotta tenuta dal lavoratore. (Corte di Cassazione, sez. VI Civile - L, ordinanza n. 28492/18; depositata il 7 novembre)

  • 08
  • Nov

Cassazione: Arresti domiciliari con braccialetto elettronico: l'onere del giudice di accertarne la disponibilità

Il giudice chiamato a pronunciarsi su una richiesta di applicazione della misura cautelare degli arresti domiciliari con il dispositivo di controllo elettronico o di sostituzione della custodia cautelare in carcere con detta misura, deve preliminarmente accertare la disponibilità del braccialetto elettronico presso la polizia giudiziaria. (Corte di Cassazione, sez. II Penale, sentenza n. 50080/18; depositata il 6 novembre)

  • 08
  • Nov

Cassazione: Interdetto dalla professione il commercialista che consiglia il cliente su come eludere la legge

In tema di esigenze cautelari, la misura cautelare adottata relativa al divieto di esercitare la professione di commercialista, va rapportata alla professione svolta dal ricorrente e alla natura dei reati contestati che sono stati ideati o attuati dal soggetto stesso. (Corte di Cassazione, sez. II Penale, sentenza n. 50065/18; depositata il 6 novembre)