CULTURA - Dizionario degli Aforismi

· Pubblicato il: 16/03/2009

Una rassegna di massime di ogni tempo in grado di restituirci il giusto distacco dalla quotidianità nel tentativo di sorvolare i paesaggi dell'anima e scoprire la bellezza dell'ironia e, ancora meglio, dell'autoironia.

 

L'intelligenza tende all'imbecillità come i corpi tendono al centro della terra.
(Nicolás Gómez Dávila)

I politici ci chiedono un atto di fiducia. Ma qui la fiducia non basta: ci vuole un atto di fede.
(Indro Montanelli)

Se una libera società non può aiutare i molti che sono poveri, non dovrebbe salvare i pochi che sono ricchi.
(J.F.Kennedy)

L'Italia è un Paese ridicolo e sinistro: i suoi potenti sono delle maschere comiche, vagamente imbrattate di sangue.
(Pier Paolo Pasolini)

Fa più rumore un albero che cade rispetto ad una foresta che cresce.
(L. Tze)

Le leggi sono ragnatele che le mosche grosse sfondano, mentre le piccole ci restano impigliate.
(Honoré de Balzac)

La memoria è un presente che non finisce mai di passare.
(Octavio Paz).

Il bello della democrazia è proprio questo: tutti possono parlare, ma non occorre ascoltare.
(Enzo Biagi)

Corruptissima re publica plurimae leges
(moltissime sono le leggi quando lo Stato è corrotto).
(Tacito)

L'anima è piena di stelle cadenti.
(Victor Hugo)

Il diavolo è un ottimista se crede di poter peggiorare gli uomini.
(Karl Kraus)

La nuova fonte di potere non è il denaro nelle mani di pochi, ma l'informazione nelle mani di molti.
(John Naisbitt)

Durante la mia vita ho perso tante battaglie. Ma una l'ho sempre vinta: quella davanti allo specchio, al mattino.
(Indro Montanelli)

Amo talmente tanto la Germania che ne preferivo due.
(Giulio Andreotti)

Quelli che si amano e che sono nati gli uni per gli altri, si incontrano facilmente:le anime affini, si salutano già da lontano.
(A.Schopenhauer)

Non vorrei essere uno schiavo, ma non vorrei neanche essere un padrone. Questo esprime la mia idea di democrazia.
(Abrahm Lincoln)

Preferisco i malvagi agli imbecilli: quelli almeno si riposano.
(Alexandre Dumas jr)

Non si mente mai quanto prima delle elezioni, durante una guerra e dopo la caccia.
(Otto Von Bismarck)

Per trovar la giustizia bisogna esserle fedeli: essa, come tutte le divinità, si manifesta soltanto a chi ci crede.(Piero Calamandrei)

Ogni volta che un bambino prende a calci qualcosa per la strada, lì ricomincia la storia del calcio.
(Jorge Luis Borges)

Non bisogna appoggiarsi troppo ai princìpi, perché poi si piegano.
(Leo Longanesi)

La fabbrica non può guardare solo ai profitti. Io penso la fabbrica per l'uomo, non l'uomo per la fabbrica.
(Adriano Olivetti)

Se il denaro è lo sterco del diavolo, l'avarizia non è che una forma di coprofagia.
(Guido Ceronetti)

Un secondo matrimonio è il trionfo della speranza sopra l'esperienza.
(Samuel Johnson)

Ben oltre le idee di giusto e di sbagliato c'è un campo. Ti aspetterò laggiù.
(Jalaluddin Rumi)

Si può prendere a compagnia la fantasia, ma si deve avere a guida la ragione.
(Samuel Johnson)

Responsabile delle bugie non è chi le dice ma chi le provoca.
(Alessandro Morandotti)

Sono milioni quelli che desiderano l'immortalità, e poi non sanno che fare la domenica pomeriggio se piove.
(Susan Ertz)

La politica dipende dagli uomini di Stato pressappoco come il tempo dipende dagli astronomi.
(Rémy de Gourmont)

La popolarità è, di solito, una servitù illustre.
(Arturo Graf)

Non si tratta di conservare il passato ma di realizzare le sue speranze.
(Theodor W. Adorno)

Fanfare, bandiere, parate. Uno stupido è uno stupido. Due stupidi sono due stupidi. Diecimila stupidi sono una forza storica.
(L. Longanesi)

La servitù, in molti casi, non è una violenza dei padroni, ma una tentazione dei servi.(Indro Montanelli)

Bisogna prendere il denaro dove si trova: presso i poveri. Hanno poco, ma sono in tanti.
(Ettore Petrolini)

Un pessimista vede la difficoltà in ogni opportunità; un ottimista vede l'opportunità in ogni difficoltà.
(Winston Churchill)

Se i partiti non rappresentano più gli elettori, cambiamoli questi benedetti elettori!
(Corrado Guzzanti)

La situazione politica in Italia è grave, ma non è seria.
(Ennio Flaiano)

La carriera dello scrittore italiano ha tre tempi: brillante promessa, solito stronzo, venerato maestro.
(Alberto Arbasino)

Se un milione di persone crede ad una cosa stupida, la cosa non smette di essere stupida.
(Anatole France)

Adoro i partiti politici: sono gli unici luoghi rimasti dove la gente non parla di politica.
(O. Wilde)

Ho sciupato il tempo e ora il tempo sciupa me perchè ha fatto di me il suo orologio.
(Anonimo)

La vita è l'infanzia della nostra immortalità.
(Johann Wolfgang von Goethe)

All'ingresso di ogni Banca dovrebbe esserci questa scritta: "Hic mungitur, non allattatur".

Alla fine, non ricorderemo le parole dei nostri nemici, ma i silenzi dei nostri amici
(Martin Luther King)

Il volto umano non mente mai: è l'unica cartina che segna tutti i territori in cui abbiamo vissuto.
(Luis Sepulveda)

La maggior parte della gente consuma metà delle proprie energie cercando di proteggere una dignità che non ha mai posseduto.
(R.Chandler)

Le uniche rivoluzioni durature sono quelle del pensiero.
(Gustave Le Bon)

Il vero orizzonte della storia non è quello di una Europa tedesca ma di una Germania europea.
(Thomas Mann)

Questo fatto che in democrazia votano tutti, secondo me non è neanche igienico.
(Saverio Raimondo)

Un italiano su tre fa sesso sul luogo di lavoro. Forse perchè eccitato dal fatto di avere un lavoro.
(Saverio Raimondo)

Il computer non è una macchina intelligente che aiuta gli stupidi ma una macchina stupida che aiuta le persone intelligenti.
(U. Eco)

Niente come tornare in un luogo rimasto immutato ci fa scoprire quanto siamo cambiati.
(Nelson Mandela)

La libertà non sta nello scegliere tra bianco e nero, ma nel sottrarsi a questa scelta prescritta.
(Theodor Adorno)

I soldi non danno la felicità ma sono un ottimo alimentatore di energia.
(Pitigrilli)

La storia si ripete sempre due volte: la prima volta come tragedia, la seconda come farsa.
(Karl Marx)

Alcuni vivono per la politica, molti della politica.
(Max Weber)

Si comincia con il voler cambiare il mondo e si finisce col cambiare i canali televisivi
(Luciano De Crescenzo)

La gioventù non sa quel che può, la maturità non può quel che sa.
(José Saramago)

Bisogna avere in sè il caos per partorire una stella che danzi.
(F.Nietzsche)

Non esiste vento favorevole per il marinaio che non sa dove andare.
(Seneca)

Le verità che contano, i grandi princìpi, alla fine, restano due o tre. Sono quelli che ti ha insegnato tua madre da bambino.
(Enzo Biagi)

Una volta il rimorso veniva dopo, adesso mi precede.
(Ennio Flaiano)

Un pugno è sarcasmo diventato stupido.
(George Eliot)

Più grande è il potere, più pericoloso è il suo abuso.
(Edmund Burke)

Nel tempo dell'inganno universale, dire la verità è un atto rivoluzionario.
(George Orwell)

Non c'è cancello, nessuna serratura, nessun bullone che potete regolare sulla libertà della mia mente.
(Virginia Woolf)

Un uomo che non legge buoni libri non ha alcun vantaggio rispetto a quello che non sa leggere.
(Mark Twain)

A volte è meglio tacere e sembrare stupidi che aprir bocca e togliere ogni dubbio!
(Oscar Wilde)

Il vizio del capitalismo è la disuguale divisione delle fortune, la virtù del socialismo è l'uguale divisione della miseria.
(W.Churchill)

Sii educato con tutti; socievole con molti; intimo con pochi; amico con uno soltanto; nemico con nessuno.
(Benjamin Franklin)

Non basta avere ragione: bisogna avere anche qualcuno che te la dia.
(Giulio Andreotti)

Una Repubblica fondata sul lavoro non può che sognare il riposo.
(Leo Longanesi)

Per gli italiani l'inferno è quel posto ove si sta con le donne nude e con i diavoli ci si mette d'accordo.
(Ennio Flaiano)

La castità è il miraggio degli osceni.
(Ennio Flaiano)

La Storia è un cimitero di aristocrazie.
(Vilfredo Pareto)

Non esistono fenomeni morali, ma solo interpretazioni morali dei fenomeni.
(Friedrich Nietzsche)

Gran parte della gente era matta o era arrabbiata. E la parte che non era né matta né arrabbiata era semplicemente stupida.
(C. Bukowski)

In ogni cosa è salutare, di tanto in tanto, mettere un punto interrogativo a ciò che a lungo si era dato per scontato.
(Bertrand Russell)

La gente di solito usa le statistiche come un ubriaco i lampioni: più per sostegno che per illuminazione.
(Mark Twain)

Eliminate opulenza e miseria: dalla prima nascono i tiranni, dalla seconda i fautori della tirannide.
(Jean Jacques Rousseau)

Dovunque si bruciano libri, si finisce per bruciare anche gli uomini
(Heinrich Heine)

Per i nemici le leggi si applicano, per gli amici si interpretano.
(Giovanni Giolitti)

Dio ci ha dato due orecchie ed una sola bocca per ascoltare almeno il doppio di quanto diciamo.
(Proverbio Cinese)

La differenza tra un genio e uno stupido è che il genio ha dei limiti.
(Anonimo)

Se un uomo non è disposto a lottare per le sue idee, o le sue idee non valgono niente, o non vale niente lui.
(Ezra Pound)

Forse per il mondo sei solo una persona, ma per qualche persona sei tutto il mondo.
(Gabriel García Marquez)

Quella che il bruco chiama fine del mondo, il resto del mondo chiama farfalla.
(Lao Tzu)

Le cose più belle della vita o sono immorali, o sono illegali, oppure fanno ingrassare.
(George Bernard Shaw)

Il segreto dell’esistenza umana non sta soltanto nel vivere, ma anche nel sapere per che cosa si vive.
(Fëdor Dostoevskij)

Quando odiamo qualcuno, odiamo nella sua immagine qualcosa che è dentro di noi.
(Hermann Hesse)

Arricchiamoci delle nostre reciproche differenze.
(Paul Valéry)

Lo sguardo indifferente è un perpetuo addio.
(Malcolm de Chazal)

Il mondo è alcune tenere imprecisioni.
(Jorge Luis Borges)

Potete giudicare quanto intelligente è un uomo dalle sue risposte. Potete giudicare quanto è saggio dalle sue domande.
(Nagib Mahfuz)

Sono più le persone disposte a morire per degli ideali, che quelle disposte a vivere per essi.
(Hermann Hesse)

Bisogna vivere come si pensa, altrimenti si finirà per pensare a come si è vissuto.
(Paul Bourget)

La vita è l'infanzia della nostra immortalità.
(Johann Wolfgang von Goethe)

Se quelli che dicono male di me sapessero quel che penso di loro, direbbero peggio.
(Sacha Guitry)

Nell'amore, un silenzio vale più di un discorso.
(Blaise Pascal)

Forse non c'è tanto bisogno e quindi desiderio di essere amati quanto di essere capiti.
(George Orwell)

Senza istruzione corriamo il rischio di prendere sul serio le persone istruite.
(Gilbert Keith Chesterton)

Diceva lo storico Edward Gibbon che l'educazione è sempre inutile, eccetto nei casi in cui è superflua.
(Piergiorgio Oddifreddi)

Le rughe dovrebbero essere semplicemente le tracce dei sorrisi di un tempo.
([Mark Twain)

A che serve passare dei giorni se non si ricordano? Cesare Pavese

L'uomo è l'unico animale che arrossisce, ma è l'unico ad averne bisogno.
(Mark Twain)

Meglio tacere e passare per idiota che parlare e dissipare ogni dubbio.
(Abraham Lincoln)

La televisione è un'invenzione che vi permette di farvi divertire nel vostro soggiorno da gente che non vorreste mai avere in casa.
(David Frost)

Una caratteristica tipica dei veri ambiziosi è quella di farsi portare dalle onde senza curarsi della schiuma.
(Charles De Gaulle)

Dio è ovunque, peccato che in ogni luogo si fermi soltanto per qualche istante.
(Carl William Brown)

Raramente attribuiamo il buonsenso agli altri, all'infuori di quelli che sono d'accordo con noi.
(François de La Rochefoucauld)

Credete a chi cerca la verità, non credete a chi la trova.
(André Gide)

La fede è una corda alla quale si rimane appesi, quando non ci si impicca.
(Sören Kierkegaard)

E' meglio tornare indietro che perdersi nel cammino.
(Proverbio Russo)

E' sbagliato giudicare un uomo dalle persone che frequenta. Giuda, per esempio, aveva degli amici irreprensibili.
(Marcello Marchesi)

Che cosa c’è in un nome? Quella che noi chiamiamo rosa, anche chiamata con un’altra parola avrebbe lo stesso odore soave.
(W. Shakespeare)

Il coraggio intellettuale della verità e la pratica politica sono due cose inconciliabili in Italia.
(Pier Paolo Pasolini)

Ci sono stati tempi in cui gli schiavi bisognava comprarli legalmente.
(Stanislaw Jerzy Lec)

Se un uomo ha una grande idea di sé stesso, si può essere certi che è l'unica grande idea che ha avuto in vita sua.
(Proverbio Inglese)

La donna sarebbe più affascinante se si potesse cadere tra le sue braccia senza cadere nelle sue mani.
(Ambrose Bierce)

Non è la voce che comanda la Storia: sono le orecchie.
(Italo Calvino)

Caso è lo pseudonimo di Dio quando non vuole firmare.
(Anatole France)

Passare per idiota agli occhi di un imbecille è voluttà da finissimo buongustaio.
(Georges Courteline)

Istruire non è indicare soluzioni, ma rivelare problemi.
(Nicolás Gómez Dávila)

La modestia è una forma raffinata di vanità. E' una menzogna.
(Jean de La Bruyère)

Una donna sincera è quella che non dice bugie inutili.
(Anatole France)

Lui non sa nulla e pensa di sapere tutto: tutto ciò fa pensare chiaramente ad una carriera politica.
(George Bernard Shaw)

Il vantaggio di essere intelligente è che si può sempre fare l'imbecille, mentre il contrario è del tutto impossibile.
(Woody Allen)

Se avete intenzione di affogare i vostri problemi nell'alcool, tenete presente che alcuni problemi sanno nuotare benissimo.
(Robert Musil)

Abbiamo la Terra non in eredità dai genitori, ma in affitto dai figli.
(Proverbio Indiano)

Molti dei nostri uomini politici sono degli incapaci. I restanti sono capaci di tutto.
(Boris Makaresko)

Nulla ci illumina meglio sul carattere degli uomini del sapere che cosa trovano ridicolo.
(Johann Wolfgang Goethe)

Ricordiamo a lungo chi abbiamo amato, meno a lungo chi ci ha amato.
(Gesualdo Bufalino)

Cos'è un bacio? Un lambire di fiamma.
(Victor Hugo)

Ci sono risposte che non avrei la forza di ascoltare e perciò evito di porre le domande.
(Simone de Beauvoir)

Tutte le donne aspettano l'uomo della loro vita, però, nel frattempo, si sposano.
(Anonimo)

Non vediamo le cose come sono, le vediamo come siamo.
(Anais Nin)

L’esperienza non è ciò che succede a un uomo, ma quello che un uomo realizza utilizzando ciò che gli accade.
(Aldous Huxley)

La cultura è un ornamento nella buona sorte ma un rifugio nell'avversa.
(Aristotele)

Se dovessi vivere la mia vita di nuovo, rifarei di nuovo gli stessi errori, ma solo più in fretta.
(Tallulah Bankhead)

Le rughe della vecchiaia formano le più belle scritture della vita, quelle su cui i bambini imparano a leggere i loro sogni.
(Marc Levy)

Accadono cose che sono come domande, passa un minuto oppure anni, e poi la vita risponde.
(Alessandro Baricco)

Le critiche sono la tassa che un uomo paga al pubblico per essere famoso.
(Jonathan Swift)

Lasciamo le belle donne agli uomini senza immaginazione.
(Marcel Proust)

Ahimè, dopo una certa età ognuno è responsabile della sua faccia.
(Albert Camus)

Non è tanto importante quello che sta avvenendo quanto quello che noi pensiamo stia avvenendo.
(Arthur Schopenhauer)

Non dimentico mai una faccia, ma nel tuo caso farò un'eccezione.
(Groucho Marx)

Chi non comprende il tuo silenzio probabilmente non capirà nemmeno le tue parole.
(Elbert Hubbard)

Anche un orologio fermo segna l'ora giusta due volte al giorno.
(Hermann Hesse)

Nessuna medicina è in grado di curare ciò che la felicità riesce a curare.
(Gabriel García Marquez)

La differenza tra l'amore e il sesso, è che il sesso allevia le tensioni e l'amore le provoca.
(Woody Allen)

Tu guardi le stelle, stella mia, ed io vorrei essere il cielo per guardare te con mille occhi.
(Platone)

Facendone un peccato il Cristianesimo ha fatto molto per il sesso.
(Anatole France)

La felicità non è fare tutto ciò che si vuole, ma volere tutto ciò che si fa.
(Friedrich Nietzsche)

A partire da una certa età, per amor proprio e per furberia, le cose più desiderate sono quelle a cui fingiamo di non tenere.
(M. Proust)

L'anima libera è rara, ma quando la vedi la riconosci, soprattutto perché provi un senso di benessere quando gli sei vicino.
(C .Baudelaire)

A volte basta un attimo per scordare una vita, ma a volte non basta una vita per scordare un attimo.
(Jim Morrison)

La vera generosità dispensa più aiuti che consigli.
(Gustave Flaubert)

Ricordiamo a lungo chi abbiamo amato, meno a lungo chi ci ha amato.
(Gesualdo Bufalino)

Il più delle volte le nostre virtù sono soltanto vizi mascherati.
(François de La Rochefoucauld)

Il rimangiarmi le mie parole non mi ha mai dato l'indigestione.
(Winston Churchill)

I pescatori sanno che il mare è pericoloso ma non hanno mai considerato quei pericoli ragioni sufficienti per rimanere a terra.
(Van Gogh)

L'altezza è profondità, l'abisso è luce inaccessa, la tenebra è chiarezza, il confuso è distinto, la lite è amicizia.
(G. Bruno)

Epitaffio sulla lapide in un cimitero scozzese: "Qui giace Fred Mc Guire. Gli cadde un penny: morì nella mischia.
(Marcel Achard)

Una volta avevamo politici che facevano affari. Oggi abbiamo affaristi che fanno politica.
(Gino Paoli)

La grandezza di un uomo non è sonora, applaudibile, rapida: è una cosa intensa, lenta; si nutre di silenzio e di tempo.
(M. Bontempelli)

L’obiettivo non è scoprire cosa siamo, ma rifiutare ciò che siamo, immaginare e costruire ciò che potremmo diventare.
(M. Foucault)

La vita è un prestito a ore e la morte il sequestro di tutti i beni per insolvenza.
(Achille Bonito Oliva)

Certe luci diventano importanti non per quello che illuminano, ma per quello che adombrano.
(Walter Baldan)

Bisogna vivere con semplicità e pensare con grandezza.
(William Wordsworth)

Fare una legge e non farla rispettare equivale ad autorizzare la cosa che si vuole proibire.
(Richelieu)

Abbiamo imparato a volare come gli uccelli, a nuotare come i pesci, ma non abbiamo imparato l'arte di vivere come fratelli.
(M. Luther King)

La giovinezza sta nel provare ogni giorno le proprie idee e passioni contro la realtà, per vedere se tagliano.
(Ugo Ojetti)

Tutte le passioni ci fanno commettere errori, ma l'amore ci induce a fare i più ridicoli.
(François de La Rochefoucauld)

Luigi XVI, annotazione nel suo diario il giorno della Presa della Bastiglia, 14 luglio 1789: "Oggi niente di nuovo"

L'esperienza è il tipo di insegnante più difficile. Prima ti fa l'esame, poi ti spiega la lezione.
(Oscar Wilde)

Un buon libro è quello che viene aperto con trepidazione e chiuso con profitto.
(Amos Bronson Alcott)

L'economista somiglia sempre più al cinico di Oscar Wilde: colui che sa il prezzo di tutto e il valore di niente.

Un archeologo è il miglior marito che una donna possa avere: più lei diventa vecchia, più lui s'interessa a lei.
(Agatha Christie)

Capisco il bacio al lebbroso ma non la stretta di mano al cretino.
(Pitigrilli)

Non esiste una donna che sia dolce, sensibile, ricca, intelligente e con una grande personalità. Per questo è consentito il frazionamento!

Se alzi un muro, pensa a cosa lasci fuori.
(Italo Calvino)

Il pugile: "Come vado?". L'allenatore: "Se l'ammazzi fai pari".
(Beppe Viola)

Era una che quando le dicevano "Van Gogh", rispondeva: "Ci vada lei".
(Michele Serra)

Sono alla ricerca del mio "IO", se poi lo trovo ed è uno stronzo?
(Michele Serra)

Gli uomini sono buoni con i morti quasi quanto sono cattivi con i vivi.
(Indro Montanelli)

Le donne sono come i camaleonti, che dove si posano prendono colore.
(Gli indifferenti, di Alberto Moravia)

Senza amore l'umanità non sopravvivrebbe un solo giorno.
(Erich Fromm)

I giorni indimenticabili della vita di un uomo sono cinque o sei in tutto. Gli altri fanno volume.
(Ennio Flaiano)

Soltanto il sapere che esita conta. Ecco ciò che manca al computer, l'esitazione.
(Elias Canetti)

Se un filosofo vi dà una risposta, non siete più in grado di capire nemmeno la domanda che avevate posto.
(André Gide)

Per trovare un amico, bisogna chiudere un occhio; e, per non perderlo, tutti e due.
(Norman Douglas)

Se gli uomini non avessero la mania di sposare donne molto più giovani di loro, ci sarebbero meno vedove.
(Philippe Bouvard)

Gran brutta malattia il razzismo. Più che altro strana: colpisce i bianchi ma fa fuori i neri.
(Albert Einstein)

Il segreto di un politico è di sembrare stupido come chi lo ascolta, così che gli ascoltatori si sentano intelligenti come lui.
(F. Barnes)

Quali difetti è lecito conservare, anzi, coltivare in noi? Quelli che lusingano il nostro prossimo, piuttosto che ferirlo.
(J.W. Goethe)

In amore il linguaggio imbecille li chiama tradimenti ma non c'è neppure l'ombra: ci sono soltanto delle fedeltà alla vita.
(G.Ceronetti)

Sii sempre pronto a dire ciò che pensi, e il vile ti scanserà.
(William Blake)

Se si dovessero studiare tutte le leggi, non ci sarebbe più tempo per trasgredirle.
(J.W. Goethe)

Cafone è chi ha la spocchia del servo arricchito.
(Ennio Flaiano)

Se in un cortile c'è posto per dieci persone e ne entrano trenta, saranno calpestate le aiuole.
(Alberto Moravia)

È difficile non desiderare la donna d'altri, dato che quelle di nessuno di solito sono poco attraenti.
(Enzo Biagi)

Il denaro è un buon servitore, ma un cattivo padrone.
(Jean-Benjamin de La Borde)

Come si sa, funzione propria del genio è fornire idee ai cretini vent'anni dopo.
(Louis Aragon)

L'uomo trascorre la propria vita ragionando sul passato, lamentandosi del presente, tremando per il futuro.
(Antoine Rivarol)

L'ipocrisia è un omaggio che il vizio rende alla virtù.
(Francois de La Rochefoucauld)

Se raccogli un cane affamato e lo rimpinzi ben bene, non ti morde. Questa è la differenza fondamentale tra cani e uomini.
(Mark Twain)

Non abbiate mai paura dell'ombra. È lì a significare che vicino, da qualche parte, c'è la luce che illumina.
(Ruth E. Renke)

Nessun uccello vola troppo in alto, se vola con le proprie ali.
(William Blake)

Si può deviare un fiume dal suo corso, non farlo risalire alla sorgente.
(Georges Braque)

Meglio aggiungere vita ai giorni che non giorni alla vita.
(Rita Levi-Montalcini)

La mafia non è affatto invincibile. È un fatto umano e come tutti i fatti umani ha un inizio, e avrà anche una fine.
(Giovanni Falcone)

Essere modesto è spesso più facile a chi abbia fatto qualcosa che a chi non abbia fatto mai nulla.
(Arturo Graf)

La bellezza non è che il disvelamento di una tenebra caduta e della luce che ne è venuta fuori.
(Alda Merini)

Perdona i tuoi nemici, ma non dimenticare mai i loro nomi.
(attribuito a John Fitzgerald Kennedy)

I volti ingannano raramente. Si ha l'anima del proprio volto e il volto della propria anima.
(Paul Brulat)

La vita familiare è un'interferenza nella vita privata.
(Karl Kraus)

Tutto quello che non so l'ho imparato a scuola.
(Leo Longanesi)

Il frutto è cieco. È l'albero che vede.
(René Char)

Alcuni raggiungono la loro massima cattiveria nel silenzio.
(Elias Canetti)

Il potere si assuefà alla propria voce. Quando l'assuefazione è completa, la scambia per la voce di Dio.
(Alberto Asor Rosa)

L'uomo ha raccolto tutta la saggezza dei suoi predecessori, e guardate quanto è stupido!
(Elias Canetti)

Nell'oceano delle volgarità i pensieri nobili appaiono come delle isole.
(Augusta Amiel-Lapeyre)

Non è vero che siamo governati da un branco di poveri imbecilli; siamo governati da imbecilli ricchissimi.
(Hanns-Hermann Kersten)

Chi impara realmente a vedere si avvicina all'invisibile.
(Paul Celan)

La cosa più insensata è di ritenere che ogni cosa debba avere un senso.
(Alessandro Morandotti)

Quella di venirci a trovare è stata una magnifica idea. Però anche la nostra di non aprirvi non è male.
(Romano Bertola)

Alta società. Branco sofisticato composto da due potenti tribù: i noiosi e gli annoiati.
(Giovanni Soriano)

Vendevo mobili per campare. Il guaio era che i mobili erano i miei.
(Les Dawson)

La ricchezza dei poveri è rappresentata dai loro figli, quella dei ricchi dai loro genitori.
(Massimo Troisi)

Se sei di buon umore, non ti preoccupare. Ti passerà.
(Arthur Bloch)

La malinconia dei giovani non è che desiderio della felicità; quella dei vecchi ne è il rimpianto.
(Lucien Arréat)

Il talento consiste nel dire le stesse stupidaggini degli altri, ma più elegantemente...
(Philippe Bouvard)

Ci sono momenti in cui abbandonarsi alla sincerità equivale ad un cedimento imperdonabile.
(Albert Camus)

Devo seguirli: sono il loro leader.
(Arthur Bloch)

Ci sono momenti in cui tutto va per il verso giusto. Non occorre spaventarsi: sono momenti che passano.
(Jules Renard)

La modestia è l'arte di far dire da altri tutto il bene che pensiamo di noi stessi.
(Philippe Bouvard)

Gli uomini politici fanno la politica come le cortigiane fanno l'amore, per mestiere.
(Achille Tournier)

Non fare niente contro il tuo nemico: siediti pazientemente sulla riva di un fiume, e un giorno vedrai passare il suo yacht.
(Arthur Bloch)

− Possibile che non esistano giornalisti incorruttibili? -− Sì, ma quelli costano di più.
(Ellekappa)

Lo scopo principale nel dare feste per bambini è ricordarvi che ci sono bambini peggiori dei vostri.
(Katharine Whitehorn)

Attingere informazioni da internet è come cercare di riempire un bicchiere sotto le cascate del Niagara.
(Arthur Clarcke)

Un cretino illuminato da lampi di imbecillità.
(Ennio Flaiano)

L'attività del cretino è più dannosa dell'ozio dell'intelligente.
(Mino Maccari)

L'indulgenza è la forma più cortese del distacco.
(Abel Bonnard)

Se la vanità è il motore dell'umanità, l'adulazione ne è il lubrificante.
(Jerome Klapka Jerome)

Anche l'antropocentrismo è una sorta di campanilismo.
(Hugo Von Hofmannstahl)

I calciatori sono gladiatori il cui unico fine nella vita è infilare un surrogato del cranio umano in mezzo a due pali.
(Elizabeth Hogg)

Siamo quasi tutti buoni, finché non ci costa niente.
(Franz Fischer)

Ho un mucchio di idee brillanti e nuove, ma quelle brillanti non sono nuove e le nuove non sono brillanti.
(Marcel Achard)

I grandi amori si annunciano in un modo preciso, appena la vedi dici: chi è questa stronza?
(Ennio Flaiano)

Il nazionalista ha un grande odio e un piccolo amore.
(Andrè Gide)

L'amore è la capacità di avvertire il simile nel dissimile.
(Theodor Adorno)

Quando si scrive delle donne bisogna intingere la penna nell'arcobaleno e asciugare la pagina con la polvere delle ali delle farfalle.
(Denis Diderot)

Una delle prime e più nobili funzioni delle cose poco serie è quella di gettare un'ombra di diffidenza sulle cose troppo serie.
(U.Eco)

Si 'a guerra se perde l'ha perduta 'o popolo; e si se vence, l'hanno vinciuta 'e prufessure.
(Eduardo De Filippo, "Napoli milionaria")

Per quanto sgradevoli siano i nemici, non diventeranno mai noiosi come i seguaci
(Elias Canetti)

Di tanti vuoti è costruita la pienezza dell'esistenza umana.
(Hugo Von Hofmannstal)

Le convinzioni sono nemici della verità più pericolosi delle menzogne.
(Friedrich Nietzsche)

Le democrazie non possono fare a meno di essere ipocrite più di quanto i dittatori possano fare a meno di essere cinici.
(Georges Bernanos)

Un buon trucco per sembrare di dieci anni più giovane, è di invecchiare di dieci anni quando dici la tua età.
(Pierre Légaré)

Cadere non è pericoloso, nè disonorevole. Ma non rialzarsi è tutte e due le cose.
(Konrad Adenauer)

La notte ci piace perché, come il ricordo, sopprime i particolari oziosi.
(Jorge Luis Borges)

Che cos'è rapinare una banca, in confronto al fondarla?
(Bertolt Brecht)

Ci vogliono il tuo nemico e il tuo amico per colpirti al cuore: il primo per calunniarti, il secondo per venirtelo a dire.
(Mark Twain)

Alle donne piacciono gli uomini taciturni. Credono che ascoltino.
(Marcel Achard)

L'ottimismo non è il contrario del pessimismo, è un suo stato avanzato.
(Paolo Bianchi)

L'uomo ha raccolto tutta la saggezza dei suoi predecessori, e guardate quanto è stupido!
(Elias Canetti)

E così lui la costrinse a fare quello che voleva lei.
(Karl Kraus)

Chi prende sul serio gli altri mi fa compassione, quelli che prendono sul serio se stessi mi fanno sganasciare dalle risa.
(Aldo Palazzeschi)

È una rivolta? No, Sire, è una rivoluzione.
(Dialogo tra re Luigi XVI e il duca di Liancourt alla notizia della presa della Bastiglia)

Nelle nostre critiche giudichiamo più noi stessi che gli altri.
(Charles Augustin de Sainte-Beuve)

È più facile morire per una religione che viverla assolutamente.
(Jorge Luis Borges)

Il tempo è soltanto il fiume dove vado pescando.
(Henry David Thoreau)

I falsi in amore sono sinceri nell'odio.
(Tacito)

Quando non si ha niente da dire, la forma è importante.
(Bertrand Vac)

Fondare biblioteche è un po' come costruire ancora granai pubblici: ammassare riserve contro l'inverno dello spirito.
(M.Yourcenar)

L'automobile del futuro sarà più veloce del suono. Così il guidatore sarà all'ospedale prima di accendere il motore.
(Henny Youngman)

Le cose che sappiamo meglio sono quelle che non abbiamo mai imparato.
(Luc de Clapiers de Vauvenargues)

Una zanzara può pungere e far imbizzarrire un cavallo, ma uno rimane un insetto e l'altro è sempre un cavallo.
(Jules Renard)

Mi chiedo dove presero quei segni, ho forse percorso quella strada tanto tempo fa e li ho lasciati sbadatamente cadere?
(Walt Whitman)

Perché se non c'è sole, un prato è come se non fosse verde.
(Primo Levi, Se questo è un uomo)

Donna, mistero senza fine, bello.
(Guido Gozzano)

Un uomo sulla luna non sarà mai interessante quanto una donna sotto il sole.
(Leopold Fechtner)

Fu necessario civilizzare l’uomo in rapporto all’uomo. Ora serve civilizzare l’uomo in rapporto alla natura e agli animali.
(Victor Hugo)

L'impazienza di Dio nel pubblicare il mondo non finisce di sbalordirmi. Cose così si tengono nel cassetto per sempre.
(Gesualdo Bufalino)

C'è bisogno della libertà per impedire che lo Stato abusi del suo potere e bisogno dello Stato per impedire l'abuso della libertà.
(K.Popper)

Credo per comprendere, non comprendo per credere.
(Anselmo d'Aosta, teologo e filosofo italiano)

Il vero viaggio di scoperta non consiste nel cercare nuove terre, ma nell’avere nuovi occhi.
(Marcel Proust)

L'inferno sono gli altri.
(Jean Paul Sartre, A porte chiuse, 1944)

Diffidate di coloro che predicano l'idea del sacrificio. Ciò che in realtà vogliono è che qualcuno si sacrifichi per loro.
(Joan Fuster)

Il nazionalismo è una malattia infantile; è il morbillo dell'umanità.
(Albert Einstein)

Fare denaro è un'arte. Lavorare è un'arte. Un buon affare è il massimo di tutte le arti.
(Andy Warhol)

In un mondo d'arrivisti buona regola è non partire.
(Gesualdo Bufalino)

Il vuoto del cielo disarma la collera.
(Simone de Beauvoir)

Certi uomini vedono le cose come sono e dicono: "Perché". Io sogno cose mai esistite e dico: "Perché no?".
(George Bernard Shaw)

Nessuno dirà tanto male di te quanto la donna che non ami più.
(Ugo Ojetti)

L'avaro è senz'altro un pazzo: che senso ha, infatti, vivere da povero per morire da ricco?
(Decimo Giunio Giovenale, Satire)

L'intuizione di una donna è molto più vicina alla verità della certezza di un uomo.
(Rudyard Kipling)

Il significato di un uomo non va ricercato in ciò che egli consegue, ma piuttosto in ciò che egli vorrebbe conseguire.
(K. Gibran)

Tutti siamo fatti di una stoffa nella quale la prima piega non scompare mai più.
(Massimo D'Azeglio)

L'amicizia è amore senza le sue ali.
(George Gordon Byron)

Dicesi commissione un gruppo di svogliati selezionati da un gruppo di incapaci per il disbrigo di qualcosa di inutile.
(Richard Harkness)

La caccia al cervo sarebbe un autentico sport solo se il cervo avesse il fucile.
(William Gilbert)

Ci sedemmo dalla parte del torto visto che tutti gli altri posti erano occupati.
(Bertold Brecht)

Il più delle volte le nostre virtù sono soltanto vizi mascherati.
(François de La Rochefoucauld)

I sogni non sempre si realizzano. Ma non perchè siano troppo grandi o impossibili. Ma perchè noi smettiamo di crederci.
(M.Luther King)

Chi disse uno popolo disse veramente uno animale pazzo, pieno di mille errori, di mille confusione, senza stabilitá.
(F. Guicciardini)

Le parole non sono mai pazze, è la sintassi che è pazza.
(Roland Barthes)

Lo schiavo ha un solo padrone; l'ambizioso ne ha tanti quante sono le persone utili alla sua fortuna.
(J. de La Bruyère)

L'importante non è avere tante idee ma di viverne una.
(Ugo Bernasconi)

Se volete sapere cosa si dice di voi in vostra assenza, ascoltate ciò che si dice degli altri in vostra presenza.
(J.B. de La Borde)

La lettura del giornale è la preghiera del mattino dell'uomo moderno.
(G. W.Friedrich Hegel)

Dio fece il cibo, il diavolo i cuochi.
(James Joyce)

Oggi chi esagera ha buone probabilità di venir sospettato di dire la verità. Chi inventa, di essere informato.
(Karl Kraus)

Se il denaro è simbolo di Escrementi, l'avarizia non è che una forma di coprofagia.
(Guido Ceronetti)

Ciò che chiamiamo disperazione spesso non è altro che la dolorosa avidità d'una speranza non esaudita.
(George Eliot)

La vita è questo, una scheggia di luce che finisce nella notte.
(Louis-Ferdinand Céline)

Non è elegante quando si ha una superiorità, farla notare, ma è da screanzati mettere uno nella necessità di farla rilevare.
(R.Bacchelli)

Ciò che è inebriante nel cattivo gusto è il piacere aristocratico di dispiacere.
(Charles Baudelaire)

L'uomo può guarire da tutto, non dall'uomo.
(George Bernanos)

La verità è tradizione, non è la verità.
(Thomas Bernhard)

Vecchio è chi più non desidera che, comunque, vivere. Di questi vecchi alcuni hanno solo vent'anni.
(Ugo Ojetti)

Tutti gli animali sono uguali, ma alcuni sono più uguali degli altri.
(George Orwell)

La nostra personalità sociale è una creazione del pensiero altrui.
(Marcel Proust)

Il patriottismo è, fondamentalmente, la convinzione che un particolare paese è il migliore del mondo perché ci siete nati.
(G.B.Shaw)

Attraverso le vesti stracciate si mostrano i vizi minori: gli abiti da cerimonia e le pellicce li nascondono tutti.
(W. Shakespeare)

Il fanatismo sta alla superstizione come il delirio alla febbre.
(Voltaire)

Non contare i tuoi polli prima che siano usciti dall'uovo.
(Esopo)

Uno non può pensare bene, amare bene, dormire bene, se non ha mangiato bene.
(Virginia Woolf)

Il segreto della felicità non è nel possesso delle cose, ma nel godimento che se ne trae.
(Eugène Delacroix)

È più facile chiedere ai poveri che ai ricchi.
(Anton Cechov)

La crudeltà è la virtù per eccellenza dei mediocri, esercizio per cui non è necessaria la minima intelligenza.
(Alessandro Baricco)

L'uomo è dove è il suo cuore, non dove è il suo corpo.
(Gandhi)

Che cos'è un adulto? Un bambino gonfio di anni.
(Simone de Beauvoir)

Una puntura di zanzara prude meno, quando sei riuscito a schiacciare la zanzara.
(Ugo Ojetti)

Dio e gli idioti non sbagliano mai, e se pensi di essere dio sei un idiota.
(Enrico Bertot)

L'evo moderno è finito. Comincia il medio-evo degli specialisti. Oggi anche il cretino è specializzato.
(Ennio Flaiano)

"Oggi niente di nuovo". Luigi XVI, annotazione nel suo diario il giorno della Presa della Bastiglia, 14 luglio 1789

Forse questo mondo è l'inferno di un altro pianeta.
(Thomas Huxley)

Non so se questo è il migliore dei mondi possibili, certo è il più costoso.
(Woody Allen)

L'italiano è un popolo straordinario. Mi piacerebbe tanto che fosse un popolo normale.
(Altan)

Qualche volta è scomodo sentirsi fratelli, ma è grave considerarsi figli unici.
(Enzo Biagi)

Questo deprecabile razzismo da stadio sta rovinando l'immagine di milioni di razzisti per bene.
(Altan)

Governare il popolo italiano non è difficile ma è inutile.
(Benito Mussolini)

Per essere felici occorre essere imbecilli, essere egoisti e avere una buona salute; se vi manca la prima, tutto è finito.
(G. Flaubert)

Supponiamo che tu sia un idiota e supponiamo che tu sia un membro del Governo. Ma mi sto ripetendo.
(Mark Twain)

Trovo che la televisione sia molto educativa. Ogni volta che qualcuno l'accende vado in un'altra stanza a leggere un libro.
(Groucho Marx)

Non perdoniamo mai coloro ai quali abbiamo fatto dei torti.
(Ken Follett)

Fare agevolmente ciò che riesce difficile agli altri, ecco il talento; fare ciò che riesce impossibile al talento, ecco il genio.
(Amiel)

L'ottimista proclama che viviamo nel migliore dei mondi possibili; e il pessimista teme che possa essere vero.(James Branch Cabell)

Nessun poeta mai interpreterà la natura così liberamente come un avvocato la verità.
(Jean Giraudoux)

Esistono due tipi di giustizia: gli avvocati che conoscono bene la legge e gli avvocati che conoscono bene il giudice.
(Coluche)

C'è qualcosa di più triste che invecchiare, ed è rimanere bambini.
(Cesare Pavese)

Un errore ripetuto frequentemente ha una grande forza di persuasione.
(Carlo Gragnani)

La fortuna mostra tutta la sua potenza ove non è ordinata virtù a resisterle.
(Niccolò Machiavelli)

Poche cose sono più dure da sopportare del fastidio di un buon esempio.
(Mark Twain)

Il giornalista non è tanto uno che vien pagato per ciò che scrive, quanto uno che vien pagato per ciò che non scrive.
(Italo Tavolato)

Il calcolo delle probabilità dimostra l'improbabilità di ogni calcolo.
(Alessandro Morandotti)

I maestri ci hanno ingannati: sapevano benissimo, a nostra insaputa, che li avremmo traditi.
(Maria Luisa Spaziani)

Nessuno è più odioso di chi pretende di avere ragione e poi in effetti ce l'ha.
(Maria Luisa Spaziani)

Tutto è illusione. Compresa la frase precedente.
(Stanislaw J. Lec)

Educare deriva da "e ducere" che significa condurre verso, saper dirigere, avere dunque l'idea di un'orizzonte verso cui tendere.
(S.Tamaro)

Lasciateci dire che due più due fa quattro, il resto verrà da sè.
(George Orwell)

In Italia ci sono progetti solo per il passato.
(Ennio Flaiano)

La Storia è un cimitero di aristocrazie.
(Vilfredo Pareto)

La domanda che a volte mi lascia confuso è: sono pazzo io o sono pazzi gli altri?
(Albert Einstein)

Possiamo perdonare un bambino che ha paura del buio ma la vera tragedia della vita è quando gli uomini hanno paura della luce.
(Platone)

L'uomo coltiva la propria infelicità per avere il gusto di combatterla a piccole dosi.
(Eugenio Montale)

Il pessimismo della ragione e l'ottimismo della volontà
(Antonio Gramsci)

Il mio modello sono i Beatles. Quattro ragazzi che si bilanciavano a vicenda e il totale era più grande della somma delle parti
(Steve Jobs)

I quadri sono come le donne, non vogliono essere capiti.
(Alda Merini)

La superficialità mi inquieta ma il profondo mi uccide.
(Alda Merini)

L'uomo consiste di due parti, la sua mente e il suo corpo. Solo che il corpo si diverte di più.
(Woody Allen)

Quando amo un uomo passa alla storia.
(Alda Merini)

Non essere più amati è peggio di non essere mai stati amati.
(M. Proust)

I soldi non danno la felicità ma sono un ottimo alimentatore di energia.
(Pitigrilli)

A quelli che dicono che non c'è un Dio non darei un soldo bucato di tutta la loro sapienza. Provino loro a creare qualcosa.
(J. Joyce)

L’autorevolezza è una superiorità accettata dagli altri
(Max Horkheimer)

Ci sono difetti che, sfruttati bene, brillano più della stessa virtù.
(Francois de la Rochefoucauld)

Il silenzio è fatto di parole che non abbiamo pronunciato.
(Marguerite Yourcenar)

Non chiederti perchè gli altri sono in piedi, chiediti perchè tu sei seduto.
(Bertrand Russell)

Nel suo viaggiare sulla superficie del mondo, l'uomo cerca il profilo di una traiettoria che poi chiama esperienza.
(Alessandro Baricco)

Mentire: attività che si svolge copiosamente prima delle elezioni, durante la guerra e dopo la caccia.
(Otto Von Bismarck)

Mandiamo giù a grandi sorsi la menzogna che ci lusinga e beviamo goccia a goccia la verità che ci riesce amara.
(Denis Diderot)

Gli "articoli da regalo" presuppongono che non si sappia cosa regalare perchè, in verità, non si ha alcuna voglia di farlo.
(Theodor Adorno)

Per vedere un mondo in un granello di sabbia e un cielo in un fiore di prato, ferma l'infinito nel palmo della mano e l'eternità in un'ora.
(William Blake)

L'uomo debole dubita prima della decisione, l'uomo forte dopo.
(Karl Kraus)

La notte più buia è quella che precede il sorgere del sole.
(Paulo Coelho)

Il Paradiso lo preferisco per il clima, l'Inferno per la compagnia.
(Mark Twain)

A che serve avere le mani pulite se si tengono in tasca?
(don Primo Mazzolari)

Il valore di un uomo non si misura da quanto riesce a rimanere in piedi ma quanto riesce ad alzarsi.
(Seneca)

Meglio esserci lasciati che non esserci mai incontrati.
(Fabrizio de Andrè)

Il religioso perfetto prega così bene che ignora di pregare.
(Jacques Maritain)

Uomo libero, sempre avrai caro il mare
(Charles Baudelaire).

La speranza è un sogno fatto da svegli
(Aristotele).

Meglio un ottimista che sbaglia che un pessimista che ha ragione
(Albert Einstein).

Se gli uomini fossero angeli non avrebbero bisogno di un governo
(James Madison, "Federalist").

In tempo di pace i giovani seppelliscono i vecchi, in tempo di guerra i vecchi seppelliscono i giovani.
(Erodoto)

Reprendi l'amico in segreto e ladalo in paleso
(Leonardo da Vinci).

L'uomo che rinnega se stesso è più cieco e più crudele degli altri.
(Tolstoj)

Nel futuro bisogna apparire ridicoli così come si è stati
(Elias Canetti).

Come il più mediocre degli scrittori ha i suoi lettori, così il più gran bugiardo ha i suoi creduloni
(Jonathan Swift).

La falsità vola mentre la verità cammina zoppicando
(Jonathan Swift).

La menzogna è un gioco linguistico che va imparato come ogni altro
(Ludwig Wittgenstein).

La natura delle cose è nel loro nascimento.
(Giambattista Vico)

Bisogna ascoltare molto e parlare poco, per governare bene uno stato.
(Armand-Jean du Plessis Richelieu)

Se non siamo cresciuti completamente imbecilli, è un miracolo.
(Federico Fellini)

Ci sono tanti morti nella mia vita ma più di tutti è il bambino che io fui.
(George Bernanos)

Prima ancora di essere un sistema politico, la democrazia è un modo di essere.
(Norberto Bobbio)

In ognuno di noi c'è qualcuno che non conosciamo.
(Carl Gustav Young)

 

 

L’essenziale non è quello che si ha ma quello che si è.
(Giuseppe Pontiggia)

Tutto quello che ho per difendermi è l’alfabeto; è quanto mi hanno dato al posto di un fucile.
(Philip Roth, Operazione Shylock)

Ci sono persone colte persino tra i professori.
(Benedetto Croce)

Se insegni, insegna anche a dubitare di ciò che insegni.
(Josè Ortega y Gasset)

Gli uomini, mentre insegnano, imparano.
(Seneca)

Entrando a scuola tremavo, uscendo da scuola piangevo. Andavo a scuola come si va al patibolo, la mia decapitazione era sempre soltanto rinviata, e questa era per me una tortura.
(Thomas Bernhard, Un bambino)

È la scuola in sé, sosteneva mio nonno, che assassina il bambino.
(Thomas Bernhard, Un bambino)

Lo studio del diritto rende gli uomini acuti, curiosi, abili, pronti all’attacco, svelti nella difesa e pieni di risorse. I giuristi si avvedono a distanza del malgoverno e fiutano l’avvicinarsi della tirannia in ogni venticello infetto.
(Edmund Burke)

Ciò  che oggi scriviamo sulla lavagna, domani lo cancelleremo.
(Bertolt Brecht)

Il pessimista si lamenta del vento, l’ottimista aspetta che il vento cambi, il realista aggiusta le vele!
(Sebastian Nicolas)

Quando si è tristi la vita ti guarda piangendo come una madre piange per aver perso un figlio.
(Walt Withman)

Se io muoio, sopravvivi con tanta forza pura…e se tu soffri, amore, morirò di nuovo.
(Pablo Neruda)

Vivere è la cosa più rara nel mondo. Molta gente esiste, ecco tutto.
(Oscar Wilde)

I ragazzi non sono vasi da riempire ma fiaccole da accendere.
(Aristotele)

Tutto quello che non so l’ho imparato a scuola.
(Leo Longanesi)

State attenti: la nave è ormai in mano al cuoco di bordo, e le parole che trasmette il megafono del comandante non riguardano più la rotta, ma quel che si mangerà domani.
(Soren Kierkegaard)

Ci sono individui composti unicamente di facciata, come case non finite per mancanza di quattrini. Hanno l’ingresso degno d’un gran palazzo, ma le stanze interne paragonabili a squallide capanne.
(Baltasar Gracián)

C’è chi onora il posto che occupa, e chi invece ne è onorato.
(Baltasar Gracián)

I falli degli uomini grandi vengono notati più degli altri, come avviene per l’eclissi degli astri maggiori.
(Baltasar Gracián)

Valere e saper mostrare che si vale significa valere due volte: ciò  che non si vede è come se non ci fosse.
(Baltasar Gracián)

La luna, finché  è sola nel cielo, campeggia su tutte le stelle, ma quando poi spunta il sole o scompare, o non si vede più. Non v’accostate mai a chi vi può eclissare ma a chi vi può mettere in evidenza.
(Baltasar Gracián)

Colui che non si sente l’animo di sopportare i suoi simili dovrà per forza ritirarsi in se stesso, ammesso sempre che riesca a sopportarsi.
(Baltasar Gracián)

Nessuno può  fissare il sole mentre risplende ma tutti lo guardano durante l’eclissi.
(Baltasar Gracián)

Una bugia ne rende necessarie molte altre.
(Baltasar Gracián)

Sciocco è chi non sa riconoscere gli sciocchi, ma più ancora chi, dopo averli riconosciuti, non li allontana dalla sua strada.
(Baltasar Gracián)

Non c’è vendetta che valga quanto l’oblio, giacché esso basta a seppellire il nemico nella polvere del suo nulla.
(Baltasar Gracián)

La lingua è una belva che, se una volta si scioglie, è poi difficilissimo che si possa rimettere in catene.
(Baltasar Gracián)

Per quante scoperte si siano fatte nelle regioni dell’egoismo, vi sono ancora molte terre sconosciute.
(François de la Rochefoucauld)

Tutti abbiamo forza sufficiente per sopportare i mali altrui.
(François de la Rochefoucauld)

Il vero amore è come i fantasmi: tutti ne parlano, ma pochi li hanno visti.

I vecchi amano dare buoni consigli per consolarsi di non poter più  dare cattivi esempi.
(François de la Rochefoucauld)

L’assenza attenua le passioni mediocri e aumenta le grandi, come il vento spegne le candele e ravviva il fuoco.
(François de la Rochefoucauld)

Confessiamo i piccoli difetti solo per convincere che non ne abbiamo di grandi.
(François de la Rochefoucauld)

Dovremmo meravigliarci soltanto di poterci ancora meravigliare.
(François de la Rochefoucauld)

Spesso ci vergogneremmo delle nostre più belle azioni se la gente vedesse tutti i motivi che le determinano.
(François de la Rochefoucauld)

Lo sfarzo dei funerali riguarda più la vanità  dei vivi che l’onore dei morti.
(François de la Rochefoucauld)

Quando non si trova la propria tranquillità in se stessi, è inutile cercarla altrove.
(François de la Rochefoucauld)

L’uomo è solo una canna, la più fragile della natura; ma una canna che pensa.
(Blaise Pascal)

La modestia sta al merito come le ombre stanno alle figure in un quadro: gli da’ forza e risalto.
(Jean de la Bruyère)

Il tempo che rafforza le amicizie, affievolisce l’amore.
(Jean de la Bruyère)

Quanti uomini assomigliano a quegli alberi che vengono trapiantati già  alti e robusti nei giardini, dove sorprendono gli occhi di chi, nulla sapendo dei loro inizi e progressi, li scorge in siti ameni nei quali non li ha visti crescere.
(Jean de la Bruyère)

Come è naturale credere molte cose senza alcuna dimostrazione, non è meno naturale dubitare di molte altre malgrado le prove.
(Luc de Clapiers de Vauvenargues)

Gli sciocchi si servono delle persone di ingegno allo stesso modo che gli uomini di bassa statura usano tacchi altissimi.
(Luc de Clapiers de Vauvenargues)

Ci sono scemenze ben presentate come ci sono scemi ben vestiti.
(Nicolas de Chamfort)

Che cosa diventa un presuntuoso, privo della sua presunzione? Provatevi a levar le ali ad una farfalla: non resta che un verme.
(Nicolas de Chamfort)

La calunnia è come una vespa che viene ad importunarvi: contro di essa non bisogna fare il minimo movimento, a meno che non si sia bene sicuri di ucciderla, perché altrimenti torna alla carica più furiosa che mai.
(Nicolas de Chamfort)

La felicità  è come gli orologi: i meno complicati sono quelli che si guastano meno.
(Nicolas de Chamfort)

Il matrimonio viene dopo l’amore, come il fumo dopo la fiamma.
(Nicolas de Chamfort)

Quando doveva far uso della mente era come quando qualcuno abituato a usare la destra è costretto a usare la sinistra.
(Georg Christoph Lichtenberg)

Oggigiorno le belle donne vanno messe nel conto delle buone qualità  dei loro mariti.
(Georg Christoph Lichtenberg)

Conviene amare la moglie di un geloso. Egli serve a farle la guardia anche a nostro vantaggio.
(Charles-Joseph de Ligne)

Essere geloso di qualcuno significa nominare il proprio successore.
(Charles-Joseph de Ligne)

Quando si vede un gigante, si ponga mente anzitutto alla posizione del sole e si badi se non sia l’ombra di un pigmeo.
(Novalis)

Il pubblico vuole essere trattato come le donne: non gli si deve assolutamente dire se non quello che vorrebbe udire.
(Johann Wolfgang Goethe)

Gli attori conquistano i cuori senza dare il loro in cambio, ma truffano con grazia.
(Johann Wolfgang Goethe)

La salute sta tanto al di sopra di tutti i beni esteriori che in realtà  un mendico sano è più felice di un re malato.
(Arthur Schopenhauer)

La bellezza è una lettera aperta di raccomandazione che conquista subito i cuori.
(Arthur Schopenhauer)

I fatti e le nostre intenzioni sono paragonabili per lo più  a due forze che tirano in due direzioni diverse e la loro diagonale è il corso della nostra vita.
(Arthur Schopenhauer)

La vita è come una stoffa ricamata della quale ciascuno nella propria metà dell’esistenza può osservare il diritto, nella seconda invece il rovescio: questo ultimo non è così bello, ma più istruttivo, perché ci fa vedere l’intreccio dei fili.
(Arthur Schopenhauer)

Verso la fine della vita avviene come verso la fine di un ballo mascherato, quando tutti si tolgono la maschera. Allora si vede chi erano veramente coloro coi quali si è venuti in contatto durante la vita.
(Arthur Schopenhauer)

Non di rado si incontrano copie di uomini importanti; e alla massa piacciono, come per i dipinti così anche in questo caso, più le copie che gli originali.
(Friedrich Nietzsche)

Le forti correnti trascinano con sé molto pietrame e sterpaglia, gli spiriti forti molte teste stupide e confuse.
(Friedrich Nietzsche)

Finché  ti si elogia, credi pure sempre che non sei ancora sulla tua strada, bensì su quella di un altro.
(Friedrich Nietzsche)

Si devono sopprimere i mendicanti: perché dare loro qualcosa manda in collera, e manda in collera non dar loro nulla.
(Friedrich Nietzsche)

Si comincia col disimparare ad amare gli altri e si finisce col non trovare più  niente in noi stessi degno di essere amato.
(Friedrich Nietzsche)

Quando non si capisce, si prende un’aria solenne.
(Friedrich Nietzsche)

Chi sa profondo, si sforza di essere chiaro; chi vorrebbe sembrar profondo alla moltitudine, si sforza d’essere oscuro.
(Friedrich Nietzsche)

Che differenza resta tra un convinto ed un ingannato? Nessuna, se è stato ben ingannato.
(Friedrich Nietzsche)

La familiarità  del superiore irrita, perché  non può essere ricambiata.
(Friedrich Nietzsche)

Ci fu data la lingua, sì, per parlare; ma anche i denti per tenerla assiepata.
(Carlo Dossi)

È un vero peccato che impariamo le lezioni della vita solo quando non ci servono più.
(Oscar Wilde)

Bisogna sempre giocare lealmente, quando si hanno in mano le carte vincenti.
(Oscar Wilde)

L’esperienza non ha alcun valore etico: è semplicemente il nome che gli uomini danno ai propri errori.
(Oscar Wilde)

Tutti coloro che sono incapaci di imparare si sono messi a insegnare.
(Oscar Wilde)

Ogni volta che la gente è d’accordo con me provo la sensazione d’aver torto.
(Oscar Wilde)

Amo molto parlare di niente. È l’unico argomento di cui so tutto.
(Oscar Wilde)

Si dovrebbe essere sempre innamorati. Questo è il motivo per cui non ci si deve mai sposare.
(Oscar Wilde)

L’unico modo di liberarsi di una tentazione è cedervi.
(Oscar Wilde)

Posso resistere a tutto tranne che alle tentazioni.
(Oscar Wilde)

Matrimonio: Lo stato o condizione di una piccola comunità, costituita da un padrone, una padrona e due schiavi: in tutto, due persone.
(Ambrose Bierce)

Sacerdote: Un uomo che si assume la cura della nostra vita spirituale per migliorare le condizioni della sua vita temporale.
(Ambrose Bierce)

Vedi di non chiamare intelligenti solo quelli che la pensano come te.
(Ugo Ojetti)

Se vuoi offendere un avversario, lodalo a gran voce per le qualità  che gli mancano.
(Ugo Ojetti)

Mentire per necessità  è sempre perdonabile. Ma chi dice la verità senza esservi costretto non merita nessuna indulgenza.
(Karl Kraus)

La gelosia è un abbaiare di cani che attira i ladri.
(Karl Kraus)

Ci sono delle persone che per tutta la loro vita serbano rancore a un mendicante perché non gli hanno dato niente.
(Karl Kraus)

Gli allievi mangiano ciò che i professori hanno digerito.
(Karl Kraus)

Uno stupido è uno stupido. Due stupidi sono due stupidi. Diecimila stupidi sono una forza storica.
(Leo Longanesi)

Non sono le idee che mi spaventano, ma le facce che rappresentano queste idee.
(Leo Longanesi)

La nostra bandiera nazionale dovrebbe recare una grande scritta: Tengo famiglia.
(Leo Longanesi)

Quando suona il campanello della loro coscienza, fingono di non essere in casa.
(Leo Longanesi)

L’intellettuale è un signore che fa rilegare i libri che non ha letto.
(Leo Longanesi)

Non è la libertà che manca; mancano gli uomini liberi.
(Leo Longanesi)

Una società  fondata sul lavoro non sogna che il riposo.
(Leo Longanesi)

Lei lo sposò  per averlo sempre con sé. Lui la sposò  per dimenticarla.
(Elias Canetti)

Non dice nulla, ma come sa spiegarlo!
(Elias Canetti)

Sei stato condannato alla pena di vivere. La domanda di grazia, respinta.
(Ennio Flaiano)

Raramente la forza della ragione prevale sulla ragione della forza.
(Alessandro Morandotti)

Siamo posseduti da ciò che possediamo.
(Alessandro Morandotti)

La contabilità  degli affetti dà sempre un bilancio passivo perché  la parte che si accinge a redigerlo è convinta di aver dato più  di quanto ha ricevuto.
(Alessandro Morandotti)

I sentimenti sono come le piante tropicali. Per prosperare abbisognano di calore.
(Alessandro Morandotti)

La donna ideale deve soddisfare l’anima, lo spirito, i sensi. Non trovando riuniti i tre requisiti nella stessa persona, è consentito il frazionamento.
(Alessandro Morandotti)

L’uomo è una miscela di materia e spirito, alla quale andrebbe apposta l’etichetta: attenzione, veleno.
(Alessandro Morandotti)

Tutto sarebbe tanto più semplice se nascesse con le istruzioni per l’uso e la data di scadenza.
(Alessandro Morandotti)

Uomini e meloni hanno questo in comune, dal di fuori non si capisce se sono buoni.
(Alessandro Morandotti)

La stragrande maggioranza dell’umanità fa la fine dei prodotti “vuoto a perdere”.
(Alessandro Morandotti)

A volte riesce di risollevare il morale a spese della morale.
(Alessandro Morandotti)

Il bacio è un espediente geniale per impedire agli innamorati di dire troppe stupidaggini.
(Alessandro Morandotti)

Amare tutta l’umanità può riuscire più facile del tollerare una sola persona.
(Alessandro Morandotti)

Di molte persone si può affermare quanto vale per certi dipinti, cioè  che la parte più preziosa è  la cornice.
(Alessandro Morandotti)

La vecchiaia, in definitiva, non è che la punizione di essere vissuti.
(Emile M. Cioran)

Se si potesse scontare la morte dormendola a rate!
(Stanislaw J. Lec)

Com’è difficile provocare un’eco nelle teste vuote.
(Stanislaw J. Lec)

Sul collo della giraffa la pulce comincia a credere nell’immortalità.
(Stanislaw J. Lec)

C’è gente profondamente credente: aspetta solo una religione.
(Stanislaw J. Lec)

Aveva la coscienza pulita. Mai usata.
(Stanislaw J. Lec)

È terribile nuotare contro corrente in acqua sporca.
(Stanislaw J. Lec)

Anche quando viene chiusa la bocca, la domanda resta aperta.
(Stanislaw J. Lec)

La forza degli argomenti – gli argomenti della forza, due stili diversi.
(Stanislaw J. Lec)

Due infelicità, sommate, possono fare una felicità.
(Gesualdo Bufalino)

LEGGE DI WHISTLER

Non si sa mai chi ha ragione, ma bisogna sempre sapere a chi darla.
(Arthur Bloch)

OTTAVA REGOLA DI FINAGLE

Il lavoro d’équipe è essenziale. Ti permette di dare la colpa a qualcun altro.
(Arthur Bloch)

LEGGE DI CHEIT

Se aiuti un amico nel bisogno, non si scorderà  di te la prossima volta che avrà  bisogno.
(Arthur Bloch)

PRIMO POSTULATO DI PARDO

Le cose buone della vita sono illegali, immorali o fanno ingrassare.
(Arthur Bloch)

Lasciamo le donne belle agli uomini senza fantasia.
(Marcel Proust)

Se non siamo cresciuti completamente imbecilli, è un miracolo.
(Federico Fellini)

Uomo libero, sempre avrai caro il mare.
(Charles Baudelaire)

Per vedere un mondo in un granello di sabbia e un cielo in un fiore di prato,ferma l’infinito nel palmo della mano, e l’eternità in un’ora.
(William Blake)

Tutto ciò  che aumenta la libertà, aumenta la responsabilità.
(Victor Hugo)

Bisogna ascoltare molto e parlare poco, per governare bene uno stato.
(Armand-Jean du Plessis Richelieu)

Falsa modestia…ma se la modestia è sempre falsa!
(Dino Segre Pitigrilli)

Parlo molto di me: probabilmente perché sono l’uomo che più tengo sotto mano.
(Miguel de Unamuno)

La superbia è il cavallo dei ricchi, la povera gente va a piedi. 
(Emilio De Marchi)

La speranza è un sogno fatto da svegli.
(Aristotele)

La nostra eredità  non è preceduta da nessun testamento.
(René Char)

La natura delle cose è nel loro nascimento.
(Giambattista Vico)

L’autorevolezza è una superiorità accettata dagli altri (Max Horkheimer)

Meglio un ottimista che sbaglia che un pessimista che ha ragione (Albert Einstein)

 

ORA AGGIUNGETE IL VOSTRO AFORISMA PREFERITO