LE CURIOSITA' - Differenza tra due regimi di garanzia assicurativa: 'loss occurrence' e 'clausola claims made'

· Pubblicato il: 16/06/2020

Secondo l'impostazione del codice cvile, il regime della garanzia assicurativa si fonda sul c.d. “loss occurrence” (“insorgenza del danno”), secondo il quale la copertura assicurativa permane anche successivamente alla scadenza del contratto se il fatto da cui trae origine la richiesta risarcitoria è avvenuto entro tale scadenza. SEGUE

----------------

I contratti di assicurazione per la responsabilità civile, fatta eccezione per i casi di assicurazione obbligatoria (vedi RC auto) si fondano sul dettato dell'art. 1917 c.c., comma 1, secondo il quale l'assicuratore è obbligato a tenere indenne il contraente di quanto questi debba pagare ad un terzo a causa dell'evento verificatosi nel periodo di efficacia del contratto. Secondo questa impostazione, nota come “loss occurrence” (“insorgenza del danno”), la copertura assicurativa permane anche successivamente alla scadenza del contratto se il fatto da cui trae origine la richiesta risarcitoria è avvenuto entro tale scadenza. Successivamente, questo paradigma contrattuale è stato soppiantato dalle c.d.” clausole claims made” (cioè, “a richiesta fatta”) secondo le quali la copertura assicurativa opera solo in ordine alle richieste risarcitorie pervenute alla compagnia nel periodo di vigenza del contratto. Pertanto, le compagnie non saranno obbligate a rispondere nel caso in cui la richiesta perviene in data successiva alla scadenza del contratto, malgrado il fatto si sia verificato durante il periodo di efficacia del contratto.