LE CURIOSITA' - Cos’è il contratto di rent to buy

· Pubblicato il: 16/06/2020

Si tratta di un contratto “atipico”, cioè, non previsto dal codice civile, che costituisce una commistione tra contratto di locazione e preliminare di vendita di un immobile. Il rent to buy può avere ad oggetto qualsiasi immobile: terreni, abitazioni, autorimesse, cantine, negozi, uffici, capannoni. In questa tipologia contrattuale, le parti prevedono che il proprietario consegni fin da subito l’immobile al conduttore-futuro acquirente, il quale paga il canone. Trascorso il periodo di tempo contrattualmente previsto (massimo dieci anni), il conduttore ha la facoltà di acquistare il bene decurtando dal corrispettivo pattuito una parte dei canoni pagati. SEGUE

---------------------

Si tratta di un contratto “atipico”, cioè, non previsto dal codice civile, che costituisce una commistione tra contratto di locazione e preliminare di vendita di un immobile: cioè, godimento di un bene in vista di una successiva alienazione. Il rent to buy può avere ad oggetto qualsiasi immobile: terreni, abitazioni, autorimesse, cantine, negozi, uffici, capannoni. In questa tipologia contrattuale, le parti prevedono che il proprietario consegni fin da subito l’immobile al conduttore-futuro acquirente, il quale paga il canone. Trascorso il periodo di tempo contrattualmente previsto (massimo dieci anni), il conduttore ha la facoltà di acquistare il bene decurtando dal corrispettivo pattuito una parte dei canoni pagati. Dal punto di vista processuale, occorre chiarire che, nell'ipotesi di mancato acquisto o di mancato pagamento dei canoni, il proprietario dovrà promuovere una causa di risoluzione del contratto e di conseguente rilascio del bene (e non già un procedimento di sfratto). A tutela del conduttore, la legge prevede la trascrizione nei registri immobiliari del contratto di rent to buy, che consentirà al conduttore di acquistare il bene libero da ipoteche, pignoramenti, o altre pregiudizievoli, che emergano dopo la trascrizione del contratto di rent to buy. La trascrizione ha una durata massima di 10 anni. Si tratta di una tutela che permane anche nell'ipotesi di fallimento del venditore ed anche, nel caso di immobili in costruzione, nel caso in cui l’impresa costruttrice dovesse fallire. Infine, è da escludere l'ipotesi di una revocatoria fallimentare, se pattuita al giusto prezzo e si tratta di abitazione principale del conduttore o dei suoi parenti o affini più stretti. Il contratto di rent to buy è stato introdotto dall’art. 23 del D.L. 133/14 (c.d. decreto “Sblocca Italia”).