LE CURIOSITA' - Che cos'è la teoria dell'austerità espansiva

· Pubblicato il: 16/06/2020

Secondo questa teoria, una riduzione della spesa pubblica determinerebbe un aumento del Pil in quanto una tenuta rigorosa dei conti pubblici aumenterebbe la fiducia dei mercati e degli investitori provocando, in tal modo, un incremento degli investimenti e dei consumi. SEGUE

---------------------

Secondo alcuni economisti, uno dei testi sacri che hanno ispirato i teorici del rigore sarebbe rappresentato da un “paper” del 2009 di Alberto Alesina e Silvia Ardagna, due bocconiani doc (il primo è scomparso recentemente, a soli 63 anni, il 23 maggio 2020), entrambi teorici della cosiddetta "austerità espansiva". Secondo questa teoria, una riduzione della spesa pubblica determinerebbe un aumento del Pil in quanto una tenuta rigorosa dei conti pubblici aumenterebbe la fiducia dei mercati e degli investitori provocando, in tal modo, un incremento degli investimenti e dei consumi. Si tratta di un testo che fu presentato per la prima volta nel 2010  all'Ecofin e, secondo Paul Krugman, esercitò una grande influenza all'interno della Bce e della Commissione europea unitamente ad un altro “paper” scritto da due altri economisti, Kenneth Rogoff e Carmen Rheinardt, i quali avevano teorizzato che la soglia massima di debito pubblico sostenibile da un'economia consiste nel 90% del Pil.