BLOG


  • 01
  • Lug

La coerenza della Chiesa e la scomunica del Pci, di Antonio Dostuni

A 60 anni dal decreto con cui il Sant'Uffizio pronunciò la scomunica del Partito Comunista è giusto fare qualche riflessione per cercare di capire lo "strano connubio" che continua a legare la Chiesa italiana con le classi dirigenti del paese. Gli anatemi contro il materialismo ateo dei comunisti italiani e gli incomprensibili silenzi sul presente.    

  • 01
  • Lug

La scomunica dei comunisti: Decreto del Sant'Uffizio del 1 luglio 1949

Esattamanete sessant'anni fa il Sant'Uffizio emanò il decreto con cui venne ufficializzata la scomunica del Pci e di chiunque, da cattolico, accettava in teoria e nei fatti il materialismo ateo proposto dal Partito Comunista. Riteniamo possa essere interessante la lettura del testo integrale del decreto ecclesiastico.  

  • 29
  • Giu

Il costo del nostro benessere, di Marco Roveda

Proponiamo uno stralcio del primo capitolo del libro "Perchè ce la faremo" (edito da Ponte delle Grazie) scritto da Marco Roveda, imprenditore illuminato e visionario che ha fatto dell'ambientalismo la sua ragione di vita. "Fattoria Scaldasole" e "Lifegate" rappresentano le sue grandi scommesse imprenditoriali che si fondano sulla necessità di promuovere la diffusione di una nuova coscienza ecologica, unica, vera discriminante tra chi vuole conservare e chi vuole innovare.   


  • 27
  • Giu

Gli intellettuali: nè servi, nè profeti, di Norberto Bobbio

Riproponiamo alcuni passaggi di una riflessione di Norberto Bobbio, che risulta ancora attuale, sul ruolo degli intellettuali. Arroganza e servilismo verso il potere rappresentano la versione corretta a aggiornata del nuovo "tradimento dei chierici". L'intellettuale non deve dimenticare che la sua funzione resta quella di "seminare dubbi e non raccogliere certezze".  

  • 26
  • Giu

Ad un passo dai valori eppure non li vediamo, di Stefano Sandionigi

Un ritorno ai valori cattolici potrebbe aiutare l'uomo a ritrovarsi. L'importanza della lettura del Vangelo e delle Sacre Scritture, talora derisa e sbeffeggiata, per capire che ognuno di noi deve imparare ad anteporre gli altri al proprio "io". 

  • 24
  • Giu

Escort? Ragazza immagine, prego! di Corrado Dugo

La nostra società celebra il mito dell'apparire e della mondanità. Non ci interessa essere unici, speciali e diversi. Al contrario, ci piace omologarci ed essere tutti uguali, forti e vincenti. La parola d'ordine è: azzerare ogni diversità e rifugiarci nella consolante certezza del conformismo. Il lamento, o forse è meglio dire, l'urlo di sdegno di un trentenne disincantato.


  • 23
  • Giu

Il nostro primo compleanno: 24 giugno 2008 - 24 giugno 2009

Il nostro sito ha compiuto il suo primo anno di vita. Il continuo aumento dei contatti ci conforta nella convnzione che si possa fare cultura anche utilizzando i canali di uno studio professionale. Un "Grazie" a tutti coloro i quali ci aiutano, a vario titolo, a far crescere orgogliosamente il nostro sito.


  • 18
  • Giu

Il declino del sogno europeo, di Antonio Dostuni

Sorta con il nobile fine di unire popoli e genti, l' Europa si è trasformata in mezzo di difesa dell'economia europea dall'incalzante globalizzazione. Localismo e xenofobia sono la conseguenza di un processo di unificazione distorto da cui si sono originati antipolitica e populismo.

  • 16
  • Giu

Chiesa cattolica e questione morale, di Antonio Stevenazzi

I silenzi della Chiesa cattolica sui presunti "vizietti" del Cavaliere. L'intervento di un grande teologo sulla necessità che la Chiesa di Roma abbia "il coraggio di chiedere maggiore coerenza di quanto non abbia fatto finora, dichiarando apertamente che l'immoralità, sempre inaccettabile, quando è pubblica va pubblicamente riprovata". 

  • 15
  • Giu

Attenzione, la nostra mente MENTE, di Elisabetta Melli

Intervistata da un giornalista, alla domanda su che cosa avrebbe cambiato nel mondo, Madre Teresa di Calcutta rispose: “Me stessa”! Nella nostra società ciò che conta è produrre, agire, completamente proiettati all’esterno di noi stessi, senza quella consapevolezza che ci permetterebbe di essere coerenti.